Follow us on FacebookFollow Narconon on TwitterFollow Narconon FeedContact Us
(+39) 023658 9162

Molly – MDMA

“Molly” non è solo un nome carino per una ragazza. Si dà il caso che questo sia anche un nuovo nomignolo per una vecchia droga chiamata ecstasy, che è stata rifinita e distribuita in una forma più “pura”. “Molly” è molto popolare tra i giovani al giorno d’oggi, specialmente alle feste in discoteca e ai rave party, poiché la droga fornisce maggiore energia che permette di ballare tutta la notte e provare intensi sentimenti di connessione e amore nei confronti dei compagni di baldoria.
Ma nonostante l’euforia e i sentimenti piacevoli che si potrebbero provare usando questa droga e nonostante la popolarità raggiunta grazie anche ad alcuni artisti musicali, i dottori mettono in guardia i ragazzi e i loro genitori, poiché la droga è davvero parecchio pericolosa.

Cos’è “Molly” esattamente?

Molly quindi non è altro che il nuovo nome dell’ecstasy. A quanto si dice, Molly sarebbe una forma più pura della sostanza nel senso che è composta solo dalla sostanza psicoattiva dell’ecstasy, MDMA. Quindi principalmente “Molly” è MDMA in una forma concentrata. “Molly” è spesso distribuita e usata sotto forma di pillole e spesso le pillole erano decorate, incise con piccole decorazioni come farfalle, punti di domanda e uccellini. La droga potrebbe anche presentarsi sotto forma di polvere che può essere sniffata o mischiata in un drink di qualsiasi tipo e ingerita per via orale. Sta diventando sempre più comune per gli spacciatori la pratica di rimpiazzare l’MDMA con la metanfetami-na e questa cosiddetta droga “pura” è in effetti totalmente un’altra cosa. “Molly” può causare sentimenti intensi di euforia, maggior consapevolezza dell’ambiente e sentimenti intensi di amore e connessione personale. Nonostante questi effetti apparentemente piacevoli, Molly crea forte dipendenza.

Molly nella cultura popolare

I ragazzi in questi giorni potrebbero parlare di Molly come se fosse una persona reale. Frasi come “Hai visto Molly?” sono un codice per chiedere se quella persona ha preso MDMA di recente. Infatti, questo modo di riferirsi alla droga è talmente comune che i genitori dovrebbero fare attenzione se sentono i propri figli riferirsi ad una nuova amica o conoscente che si chiama “Molly” al telefono o persino su Facebook. Riferirsi all’MDMA come a “Molly” è qualcosa che è diventato mainstream, specialmente nell’industria della musica e dell’intrattenimento. “Molly” è diventato un tema ricorrente in molte canzoni rap e hip hop ed esiste persino una t-shirt molto popolare con la domanda “Have you seen Molly?” (“Hai visto Molly”). In uno dei suoi ultimi concerti la star Madonna ha chiesto all’ intera folla quanti di loro avessero visto Molly quella sera.

Molly fa preoccupare I dottori

PartyMolly crea dipendenza, secondo molti dottori che hanno scoperto che i maggiori livelli di serotonina prodotti dall’MDMA in chi ne fa uso sono impossibili da mantenere e quando si abbassano di nuovo, le persone dipendenti sviluppano un desiderio ossessivo per la droga e per gli elevati livelli di serotonina ad essa associati. Spesso, chi fa uso frequente di MDMA tende alla depressione e all’ansia, poiché il suo corpo lotta per funzionare senza questa droga molto forte e pericolosa.
Secondo I dottori, anche l’MDMA è una specie di neurotossina e l’uso della droga potrebbe danneggiare le cellule cerebrali. L’MDMA può causare crisi epilettiche, febbre alta, tendenze suicide e in caso di grave overdose la morte. I dottori riconoscono che è molto difficile per i genitori rimanere aggiornati su tutte le nuove tendenze nel mondo delle droghe a cui i loro figli potrebbero essere esposti e che la miglior tattica per prevenire l’uso di droga nelle mura domestiche è di mantenere canali di comunicazione sani con i ragazzi in un’atmosfera aperta e di fiducia.
La prevenzione è ed è sempre stata la miglior medicina.
Per maggiori informazioni su prevenzione e droghe visita il sito www.narcononprevenzione.it

Fonte: http://www.kare11.com/news/article/1007970/396/Doctors-warn-parents-about-the-Molly-drug