Follow us on FacebookFollow Narconon on TwitterFollow Narconon FeedContact Us
(+39) 023658 9162

Narconon mi ha salvato

“Quando avevo 16 anni iniziai ad usare droghe leggere come marijuana e hashish. Ero agli inizi e la cosa mi sembrava divertente. La vita era facile quindi avrei voluto fare tante esperienze. Non avevo scopi, denaro… e volevo provare nuove sensazioni. Quando compii 17 anni i miei amici mi consigliarono nuovi tipi di stimolanti da prendere per via endovenosa. Inizialmente rifiutai perché avevo paura delle iniezioni ma quando vidi che alcuni miei amici lo facevano senza avere grossi problemi decisi di provare. Molti mi parlavano delle droghe allora, ma tutte le informazioni che mi venivano trasmesse erano parziali. Nessuno mai mi disse cosa avrei potuto rischiare con quelle droghe e cosa sarebbe successo in futuro. Usando quelle droghe certe sensazioni erano incredibili.

Di notte potevo anche non dormire, tanta era l’energia che avevo, le mie attività erano aumentate e mi sentivo davvero potente. Così le droghe iniziarono a far parte della mia vita quotidiana. Con queste avevo la sensazione di essere… insuperabile.

E così dal prendere stimolanti 2-3 volte al mese arrivai ad assumere oppiacei tutti i giorni.

Allora avevo un lavoro ma lo persi subito e non ne cercai un altro. Fisicamente dipendevo dalle droghe ma psicologicamente ero sicuro di poterne fare a meno, sembrava che io potessi smettere in qualsiasi momento. In realtà era come essere sulle montagne russe, durante i primi 2 minuti è divertente, ma poi diventa un incubo che vorresti interrompere.

Ma ormai tu ci sei sopra e sei in balia dei binari.

Dentro di me iniziò la guerra. Una volta mi convinsi a dire tutto ai miei genitori. Rimasero sotto shock.

Loro non sapevano quanto fosse dura uscire dall’eroina e vollero aiutarmi loro stessi. Fu assai doloroso passare l’astinenza a casa, senza nessun tipo di aiuto. Ma in qualche modo lo feci.

Certo, allo stesso tempo continuavo ad usare marijuana ma le cose sembravano essere migliorate.

Trovai anche un nuovo lavoro, ben pagato ma… presto persi anche quello. Fu così che tornai dai miei vecchi “amici” e tutto tornò come prima.

In più ero completamente rancoroso ed irascibile nei confronti di tutti, soprattutto dei miei parenti.

L’unico mio scopo nella vita era quello di trovare i soldi per un’altra dose. Iniziai con piccoli crimini e le persone che incontrai in quel periodo erano tutte tossicodipendenti. Stavo distruggendo la mia vita, giorno dopo giorno. Provai più e più volte a risolvere la situazione, senza mai riuscirci.

Avevo la sensazione che stavo per morire. Ero in un circolo vizioso e la vita senza le droghe era così.. irreale. Un giorno chiesi aiuto a mia madre. Era la prima volta che lo facevo.

Le dissi che presto sarei morto per colpa delle droghe. Lei avvisò tutti i nostri parenti ed uno zio ci mise in contatto con il centro Narconon.

Io ci andai per parlare con un operatore. La chiaccherata fu veramente corta. Lui mi disse “Allora, sei sicuro di voler uscire dalle droghe?” ed io risposi “Si!” e lui “Sei il benvenuto”.

Finalmente vedevo una luce in fondo al tunnel. Avevo ancora speranza.

Così iniziai il programma Narconon, non senza difficoltà. Ma è proprio l’aiuto amichevole e sincero degli staff che mi diede la forza di continuare. Quando uscii dall’astinenza capii che avrei potuto farcela e che per la prima volta non stavo scappando ma stavo affrontando il toro per le corna!

Fu bello realizzare che mentre io tornavo ad essere me stesso la mia famiglia tornava a vivere alla grande. Capii che la sofferenza legata alle droghe colpisce e uccide anche amici e parenti e non solo chi le usa.

Quando terminai il programma ebbi un sogno, di aiutare altre persone a risolvere la dipendenza. Così iniziai a fare conferenze di prevenzione alle droghe, nelle scuole. Questo mi galvanizzava perché potevo impedire a molti giovani di distruggere la loro vita con le droghe, come avevo fatto io.

Era evidente che oltre a non usare più droghe potevo fare qualcosa di davvero utile per gli altri e certe mie “esperienze” con le droghe adesso avevano un senso e potevano essere usate in positivo.

Sarò eternamente grato al centro Narconon e agli operatori… Loro mi hanno salvato!

Uscire dalle droghe si può ed io ne sono la prova.

 

Max – 29 anni