Follow us on FacebookFollow Narconon on TwitterFollow Narconon FeedContact Us
(+39) 023658 9162

Richiesta di Aiuto

Valutazione sul programma Narconon


Relazione di Shelley L. Beckmann, Ph.D. – Conferenza Internazionale sulla Disintossicazione Umana

Stoccolma, Svezia, Settembre 1997

Introduzione

Nel corso degli ultime tre anni, si è svolta una permanente valutazione del programma Narconon presso due strutture del Narconon negli Stati Uniti. Queste strutture sono quelle di Los Angeles, California e di Chilocco, Oklahoma. Questa valutazione mira sia al monitoraggio di alcuni fattori nella consegna del programma Narconon, sia all’accertamento dei risultati a lungo termine di questo esauriente approccio pedagogico.  Questa relazione riesamina i risultati di tale valutazione fino ad oggi.

Lo scopo di questa valutazione ha tre aspetti:

1) Monitorare la consegna corrente del programma ai clienti di entrambe le strutture. Rapporti giornalieri e settimanali fornivano informazioni su ogni cliente che svolgesse il  programma. Questo rese possibile creare un quadro dettagliato di ciò che è necessario per fornire servizi di disintossicazione e riabilitazione a tossicodipendenti accaniti.

2) Valutare la percentuale di successo del programma Narconon nel far sì che i clienti svolgano l’intero corso di trattamento.

3) Accertare l’efficacia del programma Narconon nel tempo. L’efficacia misura la capacita\’ di rimanere estraneo alle droghe, il comportamento criminale e l’avanzamento educativo o professionale.

Disegno di studio

La tipologia delle persone sottoposte alla valutazione comprende qualsiasi cliente che abbia iniziato il programma Narconon, sia nel centro di Los Angeles sia in quello di Chilocco, durante il corso dei due anni dall’avvio dello studio. Includendo ogni cliente si è voluto evitare che si verificassero delle preferenze nella selezione.

La valutazione iniziale incluse un’intervista esauriente basata su test ampiamente usati per la misurazione dell’ “indice di gravità della tossicodipendenza” e del livello quantitativo di droghe tramite il prelievo di un campione d’urina effettuato al momento dell’arrivo della persona al centro (l’indice di gravità è stato usato in molte valutazioni di programmi di riabilitazione dalle droghe).

Il progresso di ogni cliente è stato da lì in poi monitorato, durante l’intero trattamento, tramite un rapporto giornaliero e periodici test delle urine.

Hanno partecipato allo studio un totale di 273 clienti.

Dati demografici

La clientela dei vari centri Narconon varia in maniera considerevole. Per questo, esistono diversi fattori che giocano un ruolo importante e vanno dai problemi regionali con l’uso di droghe, al supporto da parte del governo per la riabilitazione dalle droghe. Ai fini dell’applicazione dei risultati di questo studio, è importante conoscere alcuni dati circa i clienti dei due centri Narconon sottoposti alla valutazione.

L’81% dei clienti partecipanti a questo studio erano di genere maschile, il 19% di genere femminile.

L’età variava dai 14 ai 66 anni.

Il 67% era di razza bianca, il 13% ispanica, il 9% indiana d’America, l’8% afro-americana e il 3% di altra razza.

Livello d’istruzione e occupazione

Le droghe vengono eliminate gradualmente durante il corso delle prime settimane dello svolgimento del programma Narconon. Questo va di pari asso con la partecipazione del cliente alle varie  componenti di disintossicazione del programma Narconon.
 
Il livelli d’istruzione era di livello comparabile a quello di altri programmi di riabilitazione dalle droghe.  Il 20% di tali clienti non aveva ultimato la scuola superiore. L’80% aveva completato la scuola superiore o l’università, il 14% aveva frequentato una scuola professionale o un junior college dopo la scuola superiore, il 9% aveva completato il college e il 2% era in possesso di diplomi post-laurea, come master in business o scienze o anche un dottorato.

Impiego

Circa la metà di tali clienti avevano attualmente un impiego. Il 60% riportò di lavorare normalmente a tempo pieno, eppure:

Il 46% non aveva lavorato negli ultimi 30 giorni.

Solo il 37% era attualmente in possesso di un impiego.

Molti clienti avevano recentemente perso il lavoro, erano stati licenziati o aveva lasciato il loro impiego a causa dei loro problemi di droga.

Implicazioni legali

Tra i clienti partecipanti allo studio:

Il 22% ammise di aver ingaggiato attività illegali a scopo di profitto negli ultimi 30 giorni.
Di media, coloro che correntemente svolgevano una qualche attività illegale ammisero di averlo fatto per almeno 13 giorni negli ultimi 2 mesi.

Da un punto di vista più a lungo termine:

 L’81% di questi clienti del Narconon era stato in carcere nella loro vita.

 Il 33% di questi clienti era stato in carcere per più di un mese.

 Il 13% era stato in carcere per più di un anno.

In media, erano stati in carcere per circa 4,3 anni, con uno scarto in più o in meno di 10,5 mesi.

Le attività illegali rappresentavano un problema maggiore in questo gruppo. Come descritto più avanti, il programma Narconon ha un effetto molto positivo su queste statistiche.

Uso di droga

La droga preferita varia considerevolmente tra i clienti partecipanti al programma Narconon.  Quella primaria per i clienti di questo studio era:
 

Cocaina crack 65(24%)
Alcool52(19%)
Altre forme di cocaina36(13%)
Eroina34(12%)
Anfetamine 33(12%)
Marijuana5(3%)
LSD6(2%)
PCP4(1%)
Inalanti 2(1%)
Misture36(13%)

Durante il periodo di questo studio, la droga prevalentemente piu\’ usata in passato dai clienti dei centri di Los Angeles e Chilocco, risultò essere la cocaina crack.
Altre droghe prevalenti, in ordine decrescente, erano alcool, altre forme di cocaina, eroina e altri oppiacei, anfetamine e ancora marijuana, LSD, PCP e inalanti.

Le misture di droghe erano un problema per una larga percentuale dei partecipanti a questo studio. Di media, i clienti avevano fatto uso di più di una droga nei 8 giorni durante il mese precedente. Nessuna particolare droga primaria venne nominata dal 13% dei clienti dello studio. Circa metà di questi furono trovati essere dipendenti da cocaina ed eroina ed anche una larga varietà di altre combinazioni.

Le droghe usate in passato dai clienti variavano da centro a centro, Los Angeles e Chilocco, e mostrarono di essere diverse da quelle usate dai clienti dei centri in Europa. Per esempio, le persone appartenenti al gruppo demografico degli indiani d’America di Chilocco aveva usato alcool molto più di qualsiasi altra droga e solo il centro di Chilocco trattava con persone che avessero fatto uso di inalanti. Similmente, durante lo stesso periodo, la droga primaria risultante da un sondaggio svolto nei centri italiani fu l’eroina, piuttosto che la cocaina o il crack.

In media, questi clienti avevano cominciato a fare uso di alcool all’età di 15 anni e di droga a 15 e mezzo.  Essi aveva fatto uso di droghe, di media, per 15 anni.

Tentativi precedenti di riabilitazione dalle droghe

Precedenti tentativi di disintossicazione e riabilitazione da droghe o alcool erano comuni fra i partecipanti allo studio.

Il 22% dei clienti aveva precedentemente svolto un programma di riabilitazione dall’alcool e il 56% aveva tentato in precedenza di riabilitarsi dalla droga. Per coloro che aveva tentato la riabilitazione, la media era di oltre tre tentativi.

Il 12% era stato in qualche altra forma di centro di riabilitazione nei 30 giorni precedenti. In generale, i clienti del Narconon avevano una tossicodipendenza da droghe o alcool di lunga data ed avevano incontrato multipli fallimenti durante trattamenti precedenti. 

Questo va di pari passo con la reputazione che ormai il Narconon ha guadagnato di essere il programma per il trattamento di tossicodipendenti ostinati e cosiddetti  “intrattabili”.

Lo studio dell’efficacia a lungo termine fu ideato per valutare gli individui che venivano per la prima volta a fare il programma Narconon completo. Dei 273 clienti seguiti durante questo studio, 184 qualificavano per questo gruppo.

Risultati

Test sulle droghe durante il programma

Da un gruppo dei partecipanti allo studio, campioni di urine furono prelevati al momento dell’accettazione al programma, poi ancora dopo due settimane e dopo uno e due mesi dall’inizio del programma.
 I clienti non vennero avvisati che i campioni sarebbero stati prelevati.

88 clienti facevano parte di questo gruppo. 68 di questi 88 clienti, o il 77%, risultarono positivi per l’uso di metaboliti delle droghe nelle urine all’accettazione. La percentuale risultata positiva al test dei metaboliti mostrò differenze nelle droghe primarie usate.

Il 100% dei clienti che avevano fatto uso di crack come droga primaria risultò positivo al test. Il 62% delle persone che avevano fatto uso di altre forme di cocaina risultò positivo al test per i metaboliti. Emerse anche positivo al test quasi il 70% delle persone che avevano fatto uso di anfetamine, l’85% di quelle che avevano fatto uso di oppiacei e il 50% di quelle che avevano fatto uso di alcool.

Man mano che i clienti avanzavano sul programma, si riscontrò un calo della percentuale dei clienti risultanti positivi sia al test delle droghe sia a quello per i livelli quantitativi di droga riscontrati nelle urine. I test in questi casi furono effettuati durante la fase dell’astinenza e in quella di disintossicazione del programma. Sia pur a livelli molto bassi, i metaboliti delle droghe furono ancora riscontrati in una notevole percentuale di clienti per diverse settimane.

Al momento della loro accettazione al centro Narconon, il 77% dei clienti risultò positivo al test per i metaboliti delle droghe. Dopo due settimane, il 35% risultò positivo al test per le droghe, malgrado la maggior parte dei risultati fossero su valori bassi.

Dopo un mese, il 15% risultava ancora positivo al test dei metaboliti. I livelli di droghe riscontrati a questo punto erano molto bassi, non indicativi di uso recente di droghe.

Dopo due mesi, livelli leggermente più alti di metaboliti vennero riscontrati in quattro clienti, mentre due mostrarono livelli bassi. Due di coloro con i livelli più alti erano clienti che erano stati sospettati di aver bevuto alcool da alcuni membri dello staff e infatti risultarono positivi al test.

Per la maggior parte dei campioni prelevati susseguentemente, il livello di metaboliti delle droghe si dimostrò inferiore a un ventesimo di quello riscontrato al momento dell’accettazione al centro. Malgrado questo non precluda il fatto di poter continuare a far uso di droghe, i livelli bassi suggeriscono che ciò che stiamo osservando è una costante eliminazione di metaboliti delle droghe in molti di questi clienti, tenendo soprattutto presente che essi si trovavano sul gradino del programma di disintossicazione.

Questa parte dello studio dimostra come ci possano volere diverse settimane perché alcuni clienti possano eliminare i metaboliti delle droghe. Livelli riscontrabili di droghe continuano ad essere eliminati per alcune settimane in almeno un terzo dei clienti del Narconon sottoposti al test.

Monitoraggio del programma

Rapporti giornalieri e settimanali sono stati redatti lungo tutto il periodo di studio.

Questi hanno aiutato il management del Narconon a isolare specifiche aree di problemi nella fornitura del programma e a correggerne o a migliorarne la qualità.

Tra i miglioramenti messi a punto durante questo studio sono da menzionare:

1) Specifici esercizi per aiutare i clienti del Narconon a ottenere il controllo della propria tossicodipendenza.

2) Miglioramento dell’addestramento dello staff per quanto riguarda la capacità di identificare i clienti che non siano qualificati per il programma Narconon.  

3) Aumento dei contatti svolti per seguire i diplomati del programma, aiutarli a rimanere fuori dalla droga e a mettere in pratica ciò che hanno imparato dal programma Narconon nella vita di tutti i giorni. 

Chiamate settimanali prima e poi mensili da parte dello staff aiutarono i diplomati ad affrontare difficoltà minori prima che si trasformassero in problemi di grande entità.

Misurazione dell’efficacia

Percentuale delle persone che completano il programma

Un fattore importante nel giudicare il successo di qualsiasi programma è la capacità o meno di mantenere fino al suo completamento le persone che lo intraprendono.

Questo si può riferire sia al numero di giorni da esse trascorsi presso la struttura del programma sia all’ammontare di lavoro completato. 

Il punto più importante comunque è se le persone completano o no il programma.

Dei 273 clienti partecipanti allo studio, il 66% completò il programma Narconon.  Similmente, dei 184 clienti che lo svolgevano per la prima volta, il 67% completò il programma Narconon.

All’interno di questo gruppo, il completamento del programma variava a secondo della droga che le persone avevano usato. Dei 184 che svolsero il programma per la prima volta, coloro che avevano fatto uso prevalentemente di crack appartenevano alla percentuale di completamento del programma più bassa (60%), mentre coloro che aveva fatto uso di droghe di tipo diverso alla percentuale più alta.

Riduzione del comportamento criminale:

(Risultati iniziali)123 persone diplomatesi alla fine dell’intero programma fanno parte del gruppo esaminato.

Finora, 48 di queste sono state intervistate due anni dopo il completamento del programma.

Per i 48 diplomati che sono stati intervistati, i risultati indicano un marcato miglioramento del comportamento criminale.

Il numero dei giorni in cui essi parteciparono ad attività illegali a scopo di profitto era di media 2,8 negli ultimi 30 giorni prima di svolgere il programma Narconon contro 0.4 dopo il completamento del programma. Questo è un raffronto diretto del comportamento di questi clienti prima del programma (non l’intero gruppo) con il comportamento tenuto dopo il suo completamento. Questo cambiamento rappresenta l’86% di miglioramento delle attività criminali riportate da essi.

Prima del programma Narconon, la durata media dell’ultimo periodo trascorso in carcere era di 3,6 mesi (108 giorni). La media fu di meno di un giorno dopo il programma per questo stesso gruppo (oltre il 99% di miglioramento).

In fine, la media dei giorni trascorsi in carcere negli ultimi 30 giorni era 1,9 prima del Narconon e meno di 0,05 dopo il programma (un miglioramento del 97%).

Conclusione

Il programma Narconon è studiato per assistere i tossicodipendenti più ostinati. Il programma ha a che fare con individui che fanno uso di uno svariato numero di sostanze stupefacenti.  La maggior parte dei clienti ha una lunga storia di tossicodipendenza con molteplici tentativi di disintossicazione e riabilitazione.

Le droghe vengono eliminate gradualmente durante il corso delle prime settimane dello svolgimento del programma Narconon. Questo va di pari passo con la partecipazione del cliente alle varie componenti di disintossicazione del programma Narconon.

Circa due terzi dei clienti che cominciano il programma lo completano. I risultati preliminari indicano che i diplomati del programma dimostrano marcati miglioramenti nel comportamento criminale. Interviste effettuate indicano anche miglioramenti notevoli nell’uso di droghe.

La valutazione a lungo termine di questo programma è tuttora in corso. Come riportato in questo documento, i risultati iniziali danno adito a ottimismo riguardo l’efficacia di tale approccio per il recupero dei tossicodipendenti e del miglioramento stabile del loro comportamento e della loro abilità di vivere seguendo i costumi di una società civile.