Follow us on FacebookFollow Narconon on TwitterFollow Narconon FeedContact Us
(+39) 023658 9162

Nuove droghe: Salvia Divinorum

salvia-divinorum

A pochi giorni di distanza dall’ informativa del Dipartimento per le Politiche Antidroga che mette a conoscenza del fatto che sono state scoperte poco meno di 300 nuove droghe, il Centro Narconon Gabbiano vuole porre l’attenzione su una droga che, purtroppo, è molto diffusa anche se non perfettamente conosciuta alla maggioranza delle persone e che risulta troppo facile da reperire, vista la quantità di siti web che la commercializzano a prezzi anche bassi.

La Salvia Divinorum è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle labiatae, come la menta e la comune salvia da cucina.

Originaria del Messico, questa pianta cresce solamente nella regione di Oaxaca è considerata sacra alla Vergine Maria e conosciuta come Ska Maria Pastora, parola ispano-azteca che significa “Foglie di Maria la Pastora”.

Si caratterizza per i suoi effetti psicoattivi, dati dalla presenza di Salvinorin A, principio attivo con una struttura unica rispetto a quelli degli altri allucinogeni conosciuti e quindi difficilmente paragonabile ad essi.

Della pianta vengono utilizzate le foglie essiccate che poi vengono masticate o fumate; in alcuni casi vengono sminuzzate e potenziate con quantità variabili di Salvinorin A, dando origine ad estratti distinti in base alla percentuale di principio attivo svluppato: 5X, 10 X, ecc…

Se fumata, gli effetti si manifestano intensamente nel giro di pochi minuti e l’intera esperienza si esaurisce in meno di un’ora.

Con la masticazione, invece, il principio attivo viene assorbito più lentamente e l’effetto, percepito dopo circa 10/20 minuti, sarà di più lunga durata (1/3 ore).

A seconda della quantità utilizzata, modifica temporaneamente lo stato di coscienza ordinario con variazioni più o meno intense delle percezioni sensoriali.

Queste sensazioni portano alla totale perdita della percezione corporea, creando nell’assuntore la percezione di essere tirato o torto da forze esterne, di potersi vedere dall’esterno o di rivivere momenti del proprio passato (soprattutto dell’infanzia).

Questi effetti, seppur brevi, possono essere molto intensi ed essere percepiti come sgradevoli o negativi a tal punto da poter sopraffare chi fa uso della sostanza e, in alcuni casi, portare a conseguenze irreversibili (Bad Trip).

Per ulteriori informazioni visita il sito: www.narconontop.org

Oppure chiama il Numero Verde 800 178 796